10.2.12

IlSensoDiCuocaPrecariaPerLaNeve


Tu non vedrai nessuna cosa al mondo maggiore di Roma.
(Orazio)


A Roma non succede mai niente.
Soprattutto quando ci sono io. 
Ho vissuto nella capitale la maggior parte della mia vita. E la maggior parte dei miei inverni li ho passati, come tutti gli altri romani, aspettando la neve. La grande nevicata, quella capace di farci dimenticare l'indimenticabile 1985.
E che fa Roma? Niente: inverni tiepidi, estati torride, acquazzoni, esondazioni del Tevere, Ponentino, Tramontana, Scirocco. Ma neve, nisba.

E poi basta che mi trasferisco un attimo a Barcellona e che mi combina quella? La grande nevicata del 2012. Giorni e giorni di neve, una città paralizzata, un sindaco perplesso, uffici e scuole chiuse, pupazzi di neve di fronte al Colosseo, snowboard al Circo Massimo e chi più ne ha più ne spali. 
Ne parleranno per anni. Diranno "ti ricordi il 2012?". Avranno aneddoti, storie, foto. Ognuno avrà qualcosa da raccontare. Sarà un prima e un dopo nella memoria storica dei romani. 
E io non c'ero. No, dico: ma vi sembra giusto?
Io lo scorso week-end ero a Madrid, dove faceva così freddo che ti si congelavano anche i pensieri. Ma neve, nisba. E ora Barcellona è gelida, pervasa da un vento cattivo. Ma neve, nisba.
Nella Capitale, invece, pare che nevicherà anche questo week-end. Che spudoratezza.
Mi allontano un momento e mi perdo un evento storico.

Del resto mi sono sorbita Berlusconi per quasi 20 anni. E poi, voilà, Novembre 2011: Roma esulta, l'orchestra suona l'alleluia, centinaia di persone brindano di fronte al Quirinale, e io qui. 
Per altro quel giorno non ero nemmeno di fronte al computer o alla TV, per seguire almeno a distanza lo storico evento. No, Berlusconi si è dimesso mentre ero a teatro, vittima sbadigliante di un improbabile spettacolo di danza Butoh.
Praticamente come dire "non ho visto l'allunaggio: quando Louis Armstrong ha messo piede sulla luna ero al supermercato". 

Roma, nun fa la stupida. Se hai in mente altri eventi storici, la prossima volta avvisami.


7 commenti:

  1. Eeeeeehhhhh, son cose. Io non me ne perdo una, qui in Naples: mi sono beccata il 1973 col colera, il 1980 col terremoto, gli ultimi anni con la munnezza. Avrei preferito essere a Barcellona (ma va'?). :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia, tu sì che c'eri! E un po' di neve, no? :)

      Elimina
  2. P.S.: il coso, qui, il captcha, mi ha dato come parola "coleeka". Ci si mette anche lui.

    RispondiElimina
  3. io almeno le dimissioni di B le ho viste in tv, pero hai ragione. Anche qui un gelo raccapriciante ma nemmeno un fiocco tsé

    RispondiElimina
  4. Tu ti sei persa la nevicata.
    Ma noi non abbiamo perso te, nonostante Barcellona. Continua a deliziarci con i tuoi racconti, mitica cuocaprecaria. E chissenefrega degli eventi storici!

    RispondiElimina
  5. arridacce le ricette....quarcosa de caldo!

    RispondiElimina