24.2.09

SeUnPomeriggioD'InvernoUnCercatore




Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia.
(Arthur C. Clarke)






Nella vita ho poche certezze. Una di queste è Google. Lui è sempre lì, trova tutto quello che cerco, mi da la posta elettronica, il blog, il raccoglitore di foto, le mappe e tutto quanto la mia vita tecnologica possa desiderare.
Oggi la posta elettronica di Google è andata in tilt per un paio di ore, e ancora adesso zoppica.
Mi sento tradita. Abbandonata dal mio Grande Saggio. Spogliata di una vita on-line.
E lo so che è solo un guasto momentaneo. Ma Google non sbaglia mai. Adesso che ha cominciato con gli errori potrebbe continuare. Sbagliarsi con i nomi nelle mappe. Non trovare quello che cerchi. Non riceve le tue e-mail.
Dove andremo a finire?
Tornemo indietro alla preistoira di carta e penna, enciclopedie, mappe cartacee?

Non sono pronta al collasso del sistema.
Almeno non prima di essermi definitivamente trasferita su una spiaggia deserta. Io, il sole, il mare, e un messaggio nella bottiglia: “come accendere il fuoco da soli - cerca con Google”

FILLO-SOFIE
Pasta fillo
Mele
Burro
Zucchero di canna
Mandorle tritate
Cannella

Ieri, per esempio, avevo della pasta fillo e delle mele. Ho interrogato il mio GoogleOracolo, mescolato un po’ i risultati, e mangiato quanto segue.
Sbuccio le mele e le taglio a tocchetti. In una padella con un po’ di burro faccio ammorbidire le mele insieme alla cannella. Fodero degli stampini da muffin con due rettangoli di pasta fillo sovrapposti. Riempo con le mele, cospargo di mandorle tritate e zucchero di canna e faccio cuocere in forno a 180° per una decina di minuti. Ottengo dei cestini ripieni di mele. Faccio intiepidire e mangio.
Ci sentiamo on-line. O ci vediamo sulla spiaggia deserta.

Playlist in bottiglia.
The Police - Message in a bottle




11 commenti:

  1. Cippì, verissimo, evviva Google.
    Quando decidi destinazione e data del trasferimento manda un segnale di fumo (meglio della mail, non si sa mai...) che vengo con te!

    RispondiElimina
  2. Che vita sarebbe senza google!!!

    RispondiElimina
  3. Forse vuole fare troppe cose e alla fine vacilla!!
    Interessante la ricetta dei tortini di mele! M.

    RispondiElimina
  4. credo che dovrebbero inventare il mestiere del "ricercatore on line"..io vivrei su google...mappe, link, ricette, foto, traduzioni..Domenico dice che sono la regina del searching, ma certo senza GOOOOOGLE non andrei da nessuna parte..un abbraccio. letixia

    RispondiElimina
  5. È sempre lì, trova tutto quello che cerchiamo: è il compagno ideale, evanescente al punto giusto.
    Ci vediamo sulla spiaggia deserta, io nella bottiglia ci metto il tè.

    RispondiElimina
  6. @ Golosastra: sto guardando puntate arretrate dell'isola dei famosi per imparare ad accendere il fuoco (e a condurre Scherzi a Parte).
    @ Lydia: e senza Nutella?
    @ Anonimo: Google barcolla ma non molla (per ora).
    @ Mikamarlez: quel mestiere esiste già, si chiama information broker. E mettiti in fila perchè io sono anni che cerco un lavoro così!
    @ Acilia: "evanescente al punto giusto"... ma chi è il tuo compagno ideale? Secondo me nella bottiglia non ci hai messo solo il tè!

    Abbracci googlati a tutti.

    RispondiElimina
  7. Sì, ha piantato in asso anche me, martedì. Mi sono sentita orbata di ogni mia sicurezza, e la cosa mi ha dato da pensare, mica poco.
    Sono ormai un'appendice del mio PC? Che farei senza posta elettronica? Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo?
    Sulla spiaggia deserta?

    RispondiElimina
  8. Io sulla spiaggia (insomma, quasi spiaggia) deserta ci sono già.... e Google a noi (in Nepal) ci molla quasi tutti i giorni. L'ansia è terribile, tornerà a funzionare prima che ci taglino la corrente? Che sennò devo aspettare domani per entrarci di nuovo?
    Il seguito alla prossima puntata...

    RispondiElimina
  9. hehehehe...pensate al vostro panico in assenza da gmail, e poi al panico dei googlers[1]! da vera spoogler[2], vi garantisco che sono state 2 ore bollenti. ma non vi preoccupate, il sistema, come dice la nostra cuocaprecaria, non molla, tantomeno i googlers :)

    [1] googler: colui/lei che lavora presso google, età media tra i 25 e i 40, spesso con occhiali, senso dell'umorismo personale, grande passione per il lavoro.
    [2] spoogler: colui/lei che si è sposato, o ne è semplicemente il partner, con un googler. l'etimologia viene da spouse+googler, indi spoogler.

    RispondiElimina
  10. scherza tu! ma se ci tolgono 'sti giocattoli siamo fottutti!
    oppure riprenderemo a giocare con le mollette da bucato che ne dici?

    RispondiElimina
  11. Indispensabile Google..imprescindibile, come direbbe Alisa!
    Complimenti per il tuo blog, e' molto carino e...gustoso!

    simone
    www.softeconomy.wordpress.com

    RispondiElimina